.
Annunci online

 
scolpirelavoce 
www.corsodidizione.it
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  corso di dizione
il draghetto
mario villani
a testa in giù
  cerca

scolpire la voce

è un corso di dizione online
collegato al lavoro di
mario villani
regista, attore e voice trainer

è il blog del sito
www.corsodidizione.it

contiene collegamenti a siti sulla voce,
esercizi, giochi, notizie

è anche il supporto in rete
dei corsi e dei seminari
di dizione, voice training e recitazione
tenuti a l'aquila e a teramo
da mario villani






 

Diario | Bibliografia | Audio | Corso di dizione | Curiosità |
 
Diario
1visite.

6 settembre 2007

Ancora le esse

Un altro problema relativo alla "s" riguarda non la dizione (ortoepia) ma l'articolazione (ortofonia): nella maggior parte del centro-sud, quando la "s" è preceduta da consonante tende ad essere pronunciata come una zeta sorda

Stavolta quando scrivo "z" intendo proprio la zeta sorda (quella di "canzone")

Allora "insieme" diventa "inzieme"; "borsa" diventa "borza"; "il sole" diventa "il zole"

I settentrionali (soprattutto nel nordest) tendono a fare l'opposto: quando c'è una zeta preceduta da consonante la fanno diventare una esse sorda

Per esempio "canzone" diventa "cansone" e "alzare" diventa "alsare"

In Abruzzo ci sono due paesi dal nome simile: Cansano (in provincia dell'Aquila) e Canzano (in provincia di Teramo). Un abruzzese tenderà a pronunciarli tutti e due come "Canzano" mentre un veneto dirà per entrambi "Cansano"

Qui come dicevo non c'è un problema di ortoepia perché non è la scrittura che ci lascia dubbi sulla pronuncia (come nel caso delle "e" o delle "o" o delle esse sorde e sonore) ma è un problema di ortofonia, cioè di sovrappore al sistema fonetico italiano standard il sistema fonetico di un italiano regionale.

Altri approfondimenti in seguito. Ciao.

sfoglia
       ottobre