.
Annunci online

 
scolpirelavoce 
www.corsodidizione.it
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  corso di dizione
il draghetto
mario villani
a testa in giù
  cerca

scolpire la voce

è un corso di dizione online
collegato al lavoro di
mario villani
regista, attore e voice trainer

è il blog del sito
www.corsodidizione.it

contiene collegamenti a siti sulla voce,
esercizi, giochi, notizie

è anche il supporto in rete
dei corsi e dei seminari
di dizione, voice training e recitazione
tenuti a l'aquila e a teramo
da mario villani






 

Diario | Bibliografia | Audio | Corso di dizione | Curiosità |
 
Diario
1visite.

30 gennaio 2008

Primo sguardo ai dialetti

In questo articoletto introduco una prima suddivisione generale dei dialetti italiani, a mo' di orientamento.

- Dialetti settentrionali
Sono suddivisibili in due gruppi distinti: dialetti gallo-italici (Piemonte, Lombardia, Liguria, Emilia, Romagna, punta nord della Toscana, parte del Trentino, Canton Ticino) e dialetti veneti (Veneto, parte della Venezia Giulia). Si situano a nord della cosiddetta linea La Spezia-Rimini comprendendo anche la parte delle Marche a nord di Ancona.

- Dialetti centrali e toscani
È l'area di mezzo, delimitata a nord dalla linea La Spezia-Rimini e a sud da quella Roma-Ancona. Comprende anche il Lazio a sud-est del Tevere, l'Umbria a est del Tevere, l'Aquilano, le Marche centrali. I dialetti toscani e il romanesco vanno considerati a parte.

- Dialetti meridionali
Sono suddivisibili in alto-meridionali e meridionali estremi. Al primo gruppo appartengono le Marche meridionali, la maggior parte del Lazio meridionale, l'Abruzzo senza la zona dell'Aquilano, il Molise, la Campania, la Puglia tranne il Salento, la Lucania, parte della Calabria. Al secondo gruppo appartengono le parlate del Salento, della Calabria meridionale e della Sicilia

Il sardo e il friulano possono essere considerati a parte. Molti sono inclini a considerarle tra le lingue di minoranze etnolinguistiche parlate in Italia, insieme al ladino (alcune valli delle dolomiti), al catalano (Alghero), al franco-provenzale (Valle d'Aosta, zone specifiche di Piemonte e Puglia), all'occitano (in alcune valli del Piemonte e in un paese della Calabria: Guardia Piemontese), ai dialetti tirolesi (Alto Adige, Veneto, Friuli), all'alemannico (i Walser in Valle d'Aosta e Piemonte), al cimbrico (Trentino e Veneto), allo sloveno (Friuli), al croato (Molise), all'albanse (alcuni comuni di Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Calabria, Pugia e Sicilia), ai dialetti greci (Puglia e Calabria) e alle lingue zingariche (Sinti al nord e Rom al centrosud).


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. dizione dialetti italiani

permalink | inviato da scolpirelavoce il 30/1/2008 alle 19:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia
dicembre        febbraio