.
Annunci online

 
scolpirelavoce 
www.corsodidizione.it
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  corso di dizione
il draghetto
mario villani
a testa in giù
  cerca

scolpire la voce

è un corso di dizione online
collegato al lavoro di
mario villani
regista, attore e voice trainer

è il blog del sito
www.corsodidizione.it

contiene collegamenti a siti sulla voce,
esercizi, giochi, notizie

è anche il supporto in rete
dei corsi e dei seminari
di dizione, voice training e recitazione
tenuti a l'aquila e a teramo
da mario villani






 

Diario | Bibliografia | Audio | Corso di dizione | Curiosità |
 
Diario
1visite.

13 dicembre 2008

All'alba Shahrazad andrà ammazzata




Per chi è rimasto affascinato dal sonetto monovocalico dell'Inferno,
ecco la segnalazione bibliografica del libretto da cui è tratto:

ALL'ALBA SHAHRAZAD ANDRÀ AMMAZZATA
Capolavori in sonetti monovocalici

di Giuseppe Varaldo
prefazione di Umberto Eco
note di Stefano Bartezzaghi

Collana Domino
Vallardi 1993

pagg. 236 lire 10.000
fuori catalogo

Se lo trovate su qualche bancarella o in giro per la rete
non fatevelo scappare! Oltre a essere piacevolissimo
e stupefacente è anche ottima fonte di esercizi!
Occhio, è piccolo piccolo (cm 8x11,12)

13 dicembre 2008

Il sonetto monovocalico accentato

Ecco la versione accentata del sonetto di Varaldo.
Buon allenamento!

Nél méntre ch'è trentènne, l'Eccellènte
(nélle Lèttere règge, è légge, splènde)
bèn nél vèntre terrèstre sé né scénde:
ènte perènne, sède dél Fetènte.

C'è gènte grève, erède dél Serpènte
che frème é gème pér venèree mènde,
ché féce pècche bécere é tremènde,
ché pèrse féde e spème é sé né pènte.

Cénere, sélve, bélve, péce, séte,
é fèbbre, vèspe, néve... péne etèrne,
é tènebre pér sèmpre, sé entreréte!

Emèrger prème nélle bréZZe vèrne,
tènder testé vér bèlle estrème mète,
néll'ètere vedér lé stélle estèrne...

Per chi ci segue da poco rimando ai precedenti post sulle vocali
e ricordo:
"è" = "e" aperta (bène, caffè, èh?, cammèllo)
"é" = "e" chiusa (méntre, tré, perché, scémo)
"Z" = "z" sonora (Zorro, Zabaione, aZZurro)

12 dicembre 2008

Una esercizio di lettura dedicato alle "e"

Questo è un sonetto monovocalico in "e" scritto da Giuseppe Varaldo nel suo pregevolissimo e ahimè fuori catalogo libretto ALL'ALBA SHAHRAZAD ANDRÀ AMMAZZATA (Capolavori in sonetti monovocalici. Vallardi, 1993).

Il sonetto che vi trascrivo è dedicato all'Inferno di Dante ed è composto utilizzando solo parole con la lettera "e" (da cui la definizione "monovocalico")

Esercitatevi a pronunciare le parole utilizzando le giuste "e" (aperte e chiuse)
La versione accentata sul prossimo post!

Nel mentre ch'è trentenne, l'Eccellente
(nelle Lettere regge, è legge, splende)
ben nel ventre terrestre se ne scende:
ente perenne, sede del Fetente.

C'è gente greve, erede del Serpente
che freme e geme per veneree mende,
che fece pecche becere e tremende,
che perse fede e speme e se ne pente.

Cenere, selve, belve, pece, sete,
e febbre, vespe, neve... pene eterne,
e tenebre per sempre, se entrerete!

Emerger preme nelle brezze verne,
tender testé ver belle estreme mete,
nell'etere veder le stelle esterne...

Oltre a essere un gran bel sonetto è anche un gran bell'esercizio di dizione e di articolazione!

sfoglia
settembre        gennaio