.
Annunci online

 
scolpirelavoce 
www.corsodidizione.it
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  corso di dizione
il draghetto
mario villani
a testa in giù
  cerca

scolpire la voce

è un corso di dizione online
collegato al lavoro di
mario villani
regista, attore e voice trainer

è il blog del sito
www.corsodidizione.it

contiene collegamenti a siti sulla voce,
esercizi, giochi, notizie

è anche il supporto in rete
dei corsi e dei seminari
di dizione, voice training e recitazione
tenuti a l'aquila e a teramo
da mario villani






 

Diario | Bibliografia | Audio | Corso di dizione | Curiosità |
 
Curiosità
1visite.

18 dicembre 2007

Fonetica delle parole festive

Vabbè... ecco un po' di parole relative alle feste incombenti... vado a caso...

preSèpe o preSèpio; natalìtztzio; abéte; méssa; néve; San GiuSèppe; aSinèllo; dóno; buòne fèste; pastorèlla (eh eh eh); dicèmbre; San Silvèstro; stélla cométa; agnèllo; capitóne; panettóne; laSagna (si fa per dire); strénna; rénna; veglióne; Santo Stéfano; medzdzanòtte; brindiSi; dzampóne; bòtti; sbróndza; mal di tèsta...

Ve ne vengono in mente altre?

2 dicembre 2007

E già che ci siamo, diamo i numeri

Dópo i méSi, ècco un po' di numeri, ma sólo quélli cón problèmi :-)

tré
sèi
sètte
òtto
nòve
dièci
dódici
trédici
quattórdici
sédici
diciassètte
diciòtto
diciannòve
vénti
ventitré
ventisèi
ventisètte
ventòtto
ventinòve
trénta

e così via...


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. dizione fonetica numeri

permalink | inviato da scolpirelavoce il 2/12/2007 alle 21:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

1 dicembre 2007

Dicèmbre e i suoi colleghi...

È arrivato dicèmbre e ne approfitto per ricordarvi cóme vanno pronunciati in italiano nèutro i nómi déi dódici méSi.

- Abbiamo gennaio, febbraio, marzo, aprile, maggio, giugno, luglio... e fin qui non c'è nessun problèma di ortoepia, visto che le sillabe tòniche sóno tutte in "a", "i" e "u"...
- A parte "marzo" che ha una zéta sórda: "martzo" (gratzie èugy)

- Ma gli ultimi cinque méSi sóno tutti da controllare:
agósto
settèmbre
ottóbre
novèmbre
dicèmbre

Tutto a pósto?

4 novembre 2007

Mózzo, ungi quel mòzzo

Per Francesco e per tutti gli altri interessati a vicende di ruote e navigazione:

Ahimé il mozzo della ruota si legge mòdzdzo
mentre quello della nave è il più familiare mótztzo

Lo so, è dura, ma così è la vita! ;-)

14 ottobre 2007

Dòtto è rimasto chiuso in un dótto

Dòtto, uno dei sette nani, è rimasto chiuso in un dótto, cioè una specie di tubo, di conduttura.
Mentre aspetta che lo liberino riflette sul fatto che il suo nome deriva dal latino doctu(m) participio passato di docere (insegnare): quella "o" breve latina è resa in italiano dalla "ò" aperta.
Invece il nome della sua prigione è basato su ductu(m) part. pass. di ducere (condurre) e da quella "u" deriva la "ó" chiusa italiana.

2 ottobre 2007

Una brezza frizzante

In entrambe le parole le "z" sono sonore...
Che ribrezzo, eh? Da veri aguzzini...
Bisognerebbe scapparsene in Amazzonia
Ops... anche in queste altre  parole le "z" sono sonore...

bredzdza
fridzdzante
ribredzdzo
agudzdzini
Amadzdzonia

30 settembre 2007

Evaporando

Sempre a proposito di accenti tonici...
Ma lo sapete che il verbo "evaporare" si dovrebbe pronunciare in modo diverso da come poi lo pronunciano tutti? Cioè piano e non sdrucciolo.

Ovvero:
Io evapóro, tu evapóri, egli evapóra... essi evapórano

Questa è la corretta pronuncia etimologica, seguendo il latino
evaporare da vapor, vaporis

Aldo Gabrielli nel libro che ho citato qualche tempo fa se la prende moltissimo con i dizionari che non sottolineano come la pronuncia più comune "evàporo" sia errata...

Che dire... l'italiano, come ripetiamo sempre, è lingua viva e mutevole...
e l'uso alla fine fa la regola

Ma se volete dare al vostro eloquio un tocco ricercato...
lasciate pure che l'acqua evapóri! :-)

21 settembre 2007

Vénti vènti (ovvero capitóni coraggiosi)

- Capitano, capitano... Ci sono i Monsoni!
- Uccideteli!
- Ma, capitano... sono venti...
- Fossero anche trenta, uccideteli tutti




permalink | inviato da scolpirelavoce il 21/9/2007 alle 19:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

19 settembre 2007

Di insetti e di esplosivi

La scorsa stagione ho curato la regia di "Darwin delle scimmie" di Giorgio Celli con un gruppo di studenti dell'Università di Teramo. A un certo punto ci siamo imbattuti nelle termiti... avete presente quegli insetti similformica che mangiano tutto, no? Nonostante ci fossero nel gruppo molti studenti di veterinaria, le versioni nella pronuncia erano discordanti: tèrmiti o termìti?

Nell'incredulità generale ho riportato le accentazioni corrette, grazie (oltre al solito vocabolario) a un delizioso libretto di Aldo Gabrielli: "Il museo degli errori".

E quindi:
la tèrmite è il simpatico insetto (dal latino termes, tèrmitis, variante di tarmes, tàrmitis "tarma")
la termìte è il nome commerciale di un composto chimico usato negli esplosivi (dal tedesco Thermit, costruito sul greco thérme, "calore", passato in italiano dal francese thermite)

Occhio agli accenti tonici, gente! :-)

sfoglia
novembre