.
Annunci online

 
scolpirelavoce 
www.corsodidizione.it
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  corso di dizione
il draghetto
mario villani
a testa in giù
  cerca

scolpire la voce

è un corso di dizione online
collegato al lavoro di
mario villani
regista, attore e voice trainer

è il blog del sito
www.corsodidizione.it

contiene collegamenti a siti sulla voce,
esercizi, giochi, notizie

è anche il supporto in rete
dei corsi e dei seminari
di dizione, voice training e recitazione
tenuti a l'aquila e a teramo
da mario villani






 

Diario | Bibliografia | Audio | Corso di dizione | Curiosità |
 
Diario
1visite.

30 gennaio 2008

Primo sguardo ai dialetti

In questo articoletto introduco una prima suddivisione generale dei dialetti italiani, a mo' di orientamento.

- Dialetti settentrionali
Sono suddivisibili in due gruppi distinti: dialetti gallo-italici (Piemonte, Lombardia, Liguria, Emilia, Romagna, punta nord della Toscana, parte del Trentino, Canton Ticino) e dialetti veneti (Veneto, parte della Venezia Giulia). Si situano a nord della cosiddetta linea La Spezia-Rimini comprendendo anche la parte delle Marche a nord di Ancona.

- Dialetti centrali e toscani
È l'area di mezzo, delimitata a nord dalla linea La Spezia-Rimini e a sud da quella Roma-Ancona. Comprende anche il Lazio a sud-est del Tevere, l'Umbria a est del Tevere, l'Aquilano, le Marche centrali. I dialetti toscani e il romanesco vanno considerati a parte.

- Dialetti meridionali
Sono suddivisibili in alto-meridionali e meridionali estremi. Al primo gruppo appartengono le Marche meridionali, la maggior parte del Lazio meridionale, l'Abruzzo senza la zona dell'Aquilano, il Molise, la Campania, la Puglia tranne il Salento, la Lucania, parte della Calabria. Al secondo gruppo appartengono le parlate del Salento, della Calabria meridionale e della Sicilia

Il sardo e il friulano possono essere considerati a parte. Molti sono inclini a considerarle tra le lingue di minoranze etnolinguistiche parlate in Italia, insieme al ladino (alcune valli delle dolomiti), al catalano (Alghero), al franco-provenzale (Valle d'Aosta, zone specifiche di Piemonte e Puglia), all'occitano (in alcune valli del Piemonte e in un paese della Calabria: Guardia Piemontese), ai dialetti tirolesi (Alto Adige, Veneto, Friuli), all'alemannico (i Walser in Valle d'Aosta e Piemonte), al cimbrico (Trentino e Veneto), allo sloveno (Friuli), al croato (Molise), all'albanse (alcuni comuni di Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Calabria, Pugia e Sicilia), ai dialetti greci (Puglia e Calabria) e alle lingue zingariche (Sinti al nord e Rom al centrosud).


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. dizione dialetti italiani

permalink | inviato da scolpirelavoce il 30/1/2008 alle 19:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

25 gennaio 2008

È iniziata oggi la Scuola di Arti e Teatro di Strada

Ci sarà anche un corso di voice training per gli allievi della Scuola triennale di Arti e Teatro di Strada "A Testa in Giù". I corsi sono iniziati oggi a L'Aquila con la lezione di giocoleria e acrobalance tenuta da Germano Colì. Domani contact improvisation, acrobatica, combattimento scenico; domenica arteterapia, voice training, costruzione di pupazzi.

qui c'è il blog con qualche foto

qui c'è il sito di A Testa in Giù

23 gennaio 2008

Uno scioglilingua per la paglia di Puglia

La gentile Maria, del corso di L'Aquila, ha composto uno scioglilingua per la pronuncia dell'approssimante laterale palatale "gl" che i miei concittadini, in buona compagnia con altri italiani del centro e del sud, hanno qualche difficoltà a pronunciare correttamente. "Aglio" diventa qualcosa di simile a "ajio". E dunque riceviamo e volentieri pubblichiamo, come si suol dire...

CHI PIGLIA LA PAGLIA COL PIGLIO DI PUGLIA
COL PIGLIO DI PUGLIA RACCOGLIE LA PAGLIA

Buon lavoro

20 gennaio 2008

Di carità délla gènte, di dèi e filòSofi sórdi...

Scrive Roberta:
"Houston, abbiamo un problema. Con i nomi dei filosofi greci e compagnia.
I professori scelgono la pronuncia che secondo loro suona meglio e gli studenti poverini la prendono per buona.
Dopo essere fuggita da diverse scuole ed aver sentito un po' di tutto mi sorge qualche dubbio...
Come comportarsi quando bisogna nominare gente tipo Archiloco, Talete, Anassimene, Crotone, Epicarmo, Filolao, Archita, Alcmeone, Eraclito, Senofane che nacque a Colofone, Empedocle, Anassagora, Gorgia, Prodico, Elide, Trasimaco, Callicle, Ecateo, Eschilo, Sofocle, Euripide, Aristofane...??? Aiuuuto!!!"

Direi che in alcuni casi sia il vecchio problema della pronuncia "alla greca" o "alla latina".
Vediamo cosa ne dice il DOP (Dizionario di Ortografia e Pronuncia della RAI)
Archìloco, Talète, Anassìmene (greca) o Anassimène (latina), Crotóne (topònimo), Epicàrmo, Filolào, Archìta, Alcmeóne (in Dante: Almeóne), Eràclito (greca) o Eraclìto (latina), Senòfane di Colofóne, Empèdocle, Anassàgora, Gòrgia, Pròdico (il presidèntico del consìglico), Èlide (topònimo), TraSìmaco (che non veniva dal TraSimèno), Càllicle, Ecatèo, Èschilo, Sòfocle, Eurìpide (eschilo eschilo che qui si sofocle... ecc.), Aristòfane...

Houston, Houston... (hiùuston, hiùuston) vi abbiamo dato una mano? ;-)

15 gennaio 2008

Iniziato oggi il corso ad Ascoli Piceno

Oggi è iniziato ad Ascoli Piceno il corso di dizione e voice training che proseguirà per dieci settimane. Sta per terminare invece il corso a L'Aquila e si trova poco oltre metà quello di Martinsicuro. Buon lavoro a tutti!

6 gennaio 2008

Avviamento alla fonetica

Buon anno a tutti. Ecco per iniziare bene un libro prezioso di Luciano Canepari, professore di Fonetica e fonologia all'Università di Venezia. Un libro rigorosissimo ma anche molto pratico e, udite udite, divertente! Di Canepari ho segnalato in bibliografia anche il Mapi e il Dipi.



Luciano Canepari
Avviamento alla fonetica
Piccola Biblioteca Einaudi
euro 17,50

sfoglia
dicembre        febbraio