Blog: http://scolpirelavoce.ilcannocchiale.it

E ora qualche zeta

Anche al segno "z" corrispondono sue suoni diversi, uno sordo (cantzone) e uno sonoro (dzorro). Indico con "tz" il suono di zeta sorda e con "dz" il suono di zeta sonora.

Mentre per le esse le indicazioni sono piuttosto semplici, nel caso di zeta siamo in alto mare...
Molte parole che l'ortoepia tradizionale di stampo toscano voleva con la zeta iniziale sorda come "tzio", "tzucchero", "tzappa"... sono ormai largamente pronunciate anche da parlanti colti con la sonora: "dzio", "dzucchero", dzappa".

Si tratta, per le zeta, di lavorare molto con il vocabolario e fare anche delle scelte ragionate sullo stile di pronuncia che si vuole adottare

Qui consiglio la lettura molto interessante del libro di Luciano Canepari "Mapi. Manuale di pronuncia italiana", in particolare il capitolo sule differenze tra pronuncia moderna e tradizionale.

Pubblicato il 10/9/2007 alle 9.7 nella rubrica Corso di dizione.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web