Blog: http://scolpirelavoce.ilcannocchiale.it

Primo sguardo ai dialetti

In questo articoletto introduco una prima suddivisione generale dei dialetti italiani, a mo' di orientamento.

- Dialetti settentrionali
Sono suddivisibili in due gruppi distinti: dialetti gallo-italici (Piemonte, Lombardia, Liguria, Emilia, Romagna, punta nord della Toscana, parte del Trentino, Canton Ticino) e dialetti veneti (Veneto, parte della Venezia Giulia). Si situano a nord della cosiddetta linea La Spezia-Rimini comprendendo anche la parte delle Marche a nord di Ancona.

- Dialetti centrali e toscani
È l'area di mezzo, delimitata a nord dalla linea La Spezia-Rimini e a sud da quella Roma-Ancona. Comprende anche il Lazio a sud-est del Tevere, l'Umbria a est del Tevere, l'Aquilano, le Marche centrali. I dialetti toscani e il romanesco vanno considerati a parte.

- Dialetti meridionali
Sono suddivisibili in alto-meridionali e meridionali estremi. Al primo gruppo appartengono le Marche meridionali, la maggior parte del Lazio meridionale, l'Abruzzo senza la zona dell'Aquilano, il Molise, la Campania, la Puglia tranne il Salento, la Lucania, parte della Calabria. Al secondo gruppo appartengono le parlate del Salento, della Calabria meridionale e della Sicilia

Il sardo e il friulano possono essere considerati a parte. Molti sono inclini a considerarle tra le lingue di minoranze etnolinguistiche parlate in Italia, insieme al ladino (alcune valli delle dolomiti), al catalano (Alghero), al franco-provenzale (Valle d'Aosta, zone specifiche di Piemonte e Puglia), all'occitano (in alcune valli del Piemonte e in un paese della Calabria: Guardia Piemontese), ai dialetti tirolesi (Alto Adige, Veneto, Friuli), all'alemannico (i Walser in Valle d'Aosta e Piemonte), al cimbrico (Trentino e Veneto), allo sloveno (Friuli), al croato (Molise), all'albanse (alcuni comuni di Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Calabria, Pugia e Sicilia), ai dialetti greci (Puglia e Calabria) e alle lingue zingariche (Sinti al nord e Rom al centrosud).

Pubblicato il 30/1/2008 alle 19.31 nella rubrica Corso di dizione.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web